Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2018 alle 12:20

La famiglia è felice fino a quando la bambina adottata impara l’inglese e confessa il suo segreto

Migliaia di coppie in tutto il mondo desiderano adottare un bambino.
Sfortunatamente in alcuni Paesi il processo di adozione richiede molto tempo e non tutti possono realizzare il loro sogno. Questo è il motivo per cui ci sono sempre più persone che tentano di farlo nei Paesi del Terzo Mondo.

Celebrità come Madonna e Angelina Jolie hanno fatto lo stesso … ma nessuno dei loro bambini arriva dall’Uganda.
La storia della bambina adottata di cui parleremo, spiega quindi esattamente perché.

Gli orfani di questo Paese africano hanno storie commoventi da raccontare, e la maggior parte di loro è venuta alla luce solo quando i bambini hanno imparato a parlare la lingua del Paese in cui si sono stabiliti.

Migliaia di ragazze e ragazzi sono stati costretti a mantenere terribili segreti fino a quando non hanno imparato a comunicare.
Solo allora hanno potuto rivelare come era la loro vita in Uganda. Ma le loro storie non riguardavano guerre, maltrattamenti o fame … la realtà era molto più oscura.

Con così tante famiglie in attesa di un bambino, organizzazioni senza scrupoli sono sorte in tutto il mondo, con lo scopo di trarre profitto dalle adozioni. Jessica e Adam Davis adottarono una bambina dell’Uganda di 5 anni dai consulenti europei sull’adozione (EAC) nel 2015.
La coppia dell’Ohio ha già quattro figli, ma avendo molto amore da dare, volevano prendersi cura di un orfano bisognoso.

L’EAC comunicò a Jessica e ad Adam che il padre di Namata era morto e che sua madre l’aveva abbandonata.
Venendo a sapere che la bambina era maltrattata, che non aveva mai ricevuto un’educazione e che non veniva nutrita correttamente, alla coppia si spezzò il cuore.
Certo, volevano salvare Namata da una vita così orribile!

La bambina adottata rivela la verità

Sei mesi dopo essere arrivata nella sua nuova casa, finalmente l’inglese di Namata migliorò abbastanza da permetterle di condividere un triste segreto con Jessica.
La bambina aveva in realtà una famiglia ed era stata molto felice in Uganda!
Inoltre disse che le mancava sua madre, che la portava a scuola tutti i giorni.
Jessica e Adam rimasero sconvolti quando si resero conto che avevano preso una bambina dalla sua amata famiglia!

Sfortunatamente, non fu solo la famiglia Davis ad essere ingannata.
La vera madre di Namata credeva che sua figlia rimanesse ospite presso la coppia americana, solo per un anno o due.
L’agenzia di adozione fraudolenta le aveva assicurato che la bambina avrebbe ricevuto un’istruzione eccellente prima di ritornare a casa.

Scoperta della rete di adozione illegale

Keren Riley, che dirige un gruppo chiamato Reunite Uganda, aiutò Namata a mettersi in contatto con la sua mamma naturale.
Fu allora che la gravità della situazione fu finalmente scoperta. Migliaia di madri ugandesi pensavano di aver fatto una buona scelta per i loro figli mandandoli in America ad istruirsi per un anno o due. Ma in realtà, i bambini venivano venduti a famiglie che pensavano di adottare un orfano bisognoso.

 

Jessica e Adam furono informati che legalmente, potevano tenere la bambina, ma la coppia sapendo che la bambina sentiva tanta nostalgia della sua famiglia, invertirono i documenti di adozione e Namata tornò dalla sua mamma.

Grazie alla loro storia, la polizia ha scoperto altre adozioni come quelle di Namata e sono riusciti a chiudere l’agenzia EAC per sempre.

Condividiamo la storia di questa bambina, in modo che le famiglie prestino attenzione alle agenzie di adozione fraudolente.
Fortunatamente, Namata è riuscita a tornare da sua madre, perché è stata in grado di ricordare da dove venisse e tutto il resto, ma tanti bambini non hanno la stessa fortuna …

Vendere dei bambini è un crimine ignobile che va assolutamente fermato!

Fonte

(Visited 272 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "La famiglia è felice fino a quando la bambina adottata impara l’inglese e confessa il suo segreto"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*