Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2018 alle 9:32

Intascavano soldi destinati ai centri migranti di Siena, coinvolto un sacerdote

Intascavano i soldi destinati all’assistenza e al sostentamento degli immigrati in tre centri del Senese, dopo aver turbato la regolarità di alcune gare di appalto per l’accoglienza di cittadini stranieri indette annualmente dalla prefettura di Siena. Per questo la Guardia di Finanza senese, su segnalazione della stessa prefettura, ha arrestato un uomo, considerato la mente dell’operazione, e denunciato altre tre persone tra cui un sacerdote della diocesi di Grosseto, oltre a sequestrare beni per 317 mila euro. Per tutti e quattro l’accusa  di turbativa d’asta, appropriazione indebita e autoriciclaggio.     L’operazione delle fiamme gialle, denominata ‘Picket’, ha accertato che, tra il 2015 e il 2018, almeno 600 mila euro dei compensi percepiti dall’impresa creata ad hoc, e nata dalle ceneri di una società fallita nel 2014, non sono stati utilizzati per i servizi di accoglienza e assistenza degli immigrati ma distratti verso conti correnti personali.  rainews.it

(Visited 10 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Intascavano soldi destinati ai centri migranti di Siena, coinvolto un sacerdote"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*