Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2018 alle 13:30

Nora, 23 anni: “Nascondere un cucchiaio nella biancheria intima, può salvare la vita delle giovani donne”

Nascondere un cucchiaio nella biancheria intima può sembrare una cosa incomprensibile, ma in realtà è un trucco ingegnoso che può contribuire a salvare la vita di migliaia di donne costrette a subire la tratta degli schiavi e il commercio sessuale.

Essere donna in questo mondo sempre più violento ed esserlo soprattutto in alcuni Paesi, diventa ogni giorno più difficile.

Gli episodi di violenza, di abusi e ogni sorta di angherie, sembrano essere diventati all’ordine del giorno, minando in questo modo l’indipendenza raggiunta e la propria libertà.

Essere donna significa correre rischi in determinati ambienti, essere in pericolo se si tarda la sera per tornare a casa, preoccuparsi addirittura di fare una passeggiata in spiaggia con un amico.

Viaggiare da sola per una donna, rappresenta un pericolo in più. Malgrado le norme di sicurezza, stazioni e aeroporti, possono nascondere dei rischi e cercare di adottare qualche precauzione in più, può in qualche caso, salvare la vita.

Magari si potessero salvare tutte le donne da ogni forma di rischio e violenza, ma ben venga ogni piccola o grande idea che dia loro un margine di sicurezza in più.

Nora Adin, giovane professoressa universitaria, desidera che questo trucco sia conosciuto e diffuso al maggior numero di persone possibile, per salvare le donne condannate al matrimonio forzato o ad altre forme di oppressione.

“Ritengo molto utile attirare l’attenzione in questo momento, perché a breve inizieranno le vacanze estive e molte persone viaggeranno”, ha detto Nora a Expressen , la stampa locale.

Quando Nora, 23 anni, insegnante svedese, ha realizzato il numero impressionante di donne distrutte dall’oppressione, dalle relazioni violente o dal matrimonio forzato, ha avuto un’idea intelligente.

Ha deciso quindi di diffondere il metodo del “cucchiaio nella biancheria intima”. Un modo per occuparsi degli altri e provare a salvare delle vite.

Ecco come funziona:

Se correte il rischio di essere portate fuori dal vostro Paese contro la vostra volontà o siete minacciate in qualche modo mentre vi trovate in un aeroporto ed avete bisogno di parlare con un agente di sicurezza lontane dal vostro aggressore, mettete un cucchiaio o un oggetto metallico nella vostra biancheria intima prima di passare il controllo di sicurezza.

In questo modo farete suonare il metal detector al vostro passaggio e un agente vi condurrà molto probabilmente in una stanza privata per controllarvi.

In questo modo sarete al sicuro dal vostro aggressore o da quanto vi minaccia, potrete riferire all’agente quello che sta accadendo e essere tratte in salvo.

Ecco!

Pensiamo che sia un trucco che vale la pena diffondere in modo che quante più donne possibili, possano essere salvate da questa forma di violenza.

Contribuite alla sua diffusione condividendo!  Giorno dopo Giorno

(Visited 1.186 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Nora, 23 anni: “Nascondere un cucchiaio nella biancheria intima, può salvare la vita delle giovani donne”"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*