Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2018 alle 7:50

Più case popolari agli immigrati E arriva la stretta da nord a sud

Un alloggio popolare su due in diverse città italiane va agli stranieri. Adesso cambiano le regole: premiato chi è residente da più anni nella stessa città

Un alloggio popolare su due in diverse città italiane va agli stranieri.

Negli ultimi anni la tendenza che vedeva in vantaggio le famiglie italiane adesso si è completamente ribaltata. I numeri parlano chiaro. Come sottolinea il Sole 24 Ore, a Torino si è passati da un 23 per cento di alloggi popolari disponibili assegnati agli stranieri del 2007 al 50 per cento del 2015 e al 48 per cento del 2016. In dieci anni la percentuale di case popolari date alle famiglie straniere di fatto è raddoppiata. E così adesso diverse amministrazioni comunali stanno cercando di correre ai ripari cambiando i requisiti per l’accesso alla graduatoria. Il tutto accade anche nelle regioni e nelle città rosse.

Ad esempio in Emilia Romagna una delibera che presto avrà il via libera prevede l’assegnazione di un alloggio popolare alle famiglie straniere solo nel caso in cui le stesse non abbiano proprietà all’estero e soprattutto nel Paese d’origine. Anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella (Pd), vuole dare un punteggio aggiuntivo in graduatoria a chi ad esempio risiede da più tempo nel capoluogo toscano. Il tutto dovrebbe portare ad una stretta per l’assegnazione degli alloggi alle famiglie degli immigrati. Le parcentuali riportate da uno studio del Sole 24 Ore fanno riflettere. Infatti a Perugia il 51% per cento degli alloggi popolari viene dato agli stranieri, a Bologna il 49 per cento, a Torino il 48, a Firenze il 47 per cento, mentre a Milano e Bergamo la percentuale si attesta al 46 e al 45 per cento. Cifre queste che hanno portato le amministrazioni comunali e regionali ad intervenire nell’accesso ai bandi.

A Perugia ad esempio il “premio residenza” è già attivo dal 2014. Viene infatti premiato chi risiede da più tempo nel capoluogo umbro e così le percentuali di italiani presenti in cima alla gradutoria. Adesso, secondo gli ultimi dati le famiglie italiane presenti nei primi posti delle liste per gli alloggi sono il 54 per cento del totale. Inoltre a Padova il Comune ha deliberato di assegnare d’ufficio otto punti a chi risulta iscritto all’anagrafe da vent’anni consecutivi. E questo ha portato ad un 31 per cento di alloggi assegnati alle famiglie straniere rispetto a percentuali più alte del passato. Insomma sta arrivando una vera e propria stretta che di certo potrebbe cambiare (e non poco) le graduatorie per gli alloggi popolari in diversi Comuni italiani. Il Giornale

(Visited 33 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Più case popolari agli immigrati E arriva la stretta da nord a sud"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*